Offerte Hotel Estate e Inverno

Offerte di Stagione

Rimini Città

Hotel Rimini per Stelle
Rimini: una città preziosa



La città di Rimini, grazie alla sua storia ricca di grandi popoli e di maestose dominazioni, nonché all'attenzione che gli operatori e l'amministrazione dedicano alla sua ospitalità, è sede di innumerevoli luoghi di grande interesse storico e culturale.

Numerosi sono infatti i monumenti derivanti dalla presenza del popolo Romano nel periodo del grande Impero: l'Anfiteatro, l'Arco d'Augusto, il Lapidario Romano, la Domus del chirurgo, il Ponte di Tiberio.

L'Anfiteatro è una struttura che attualmente si trova vicinissima alla stazione ferroviaria e al centro cittadino. Costruito nel II secolo d. C. esso ebbe come prima funzione quella di ospitare i combattimenti dei gladiatori; successivamente venne inglobato nelle mura difensive contro gli attacchi dei barbari, in quanto la struttura ellittica si prestava perfettamente al suo utilizzo in qualità di forte. Esso divenne poi una cava per l'estrazione di laterizio utile alla costruzione di edifici; successivamente fu mutuato in lazzaretto fino a giungere ai tempi odierni sotto forma di rovine in cui vengono spesso allestiti spettacoli culturali.

Sempre nel centro cittadino è situato il poderoso Arco d'Augusto, il più antico arco ancora esistente. Esso era stato consacrato all'imperatore Augusto (del quale sorreggeva una statua) e oltre ad essere una porta urbica, segnava la fine di via Flaminia confluendo nel Corso d'Augusto, dal quale poi partiva la via Emilia.

L'Arco costituisce uno dei più importanti monumenti presenti a Rimini, tanto da essere presente nello stemma cittadino.

Poco distante da questi luoghi, nell'attuale Piazza Ferrari, si trovano la famosissima Domus del chirurgo ed il Lapidario romano. La Domus, aperta al pubblico del 2007, è un'antica abitazione di un medico in epoca romana (la professione ci viene rivelata dall'ampia gamma di strumenti chirurgici rinvenuti in essa) ricca di mosaici ottimamente conservati e tuttora visibili.

Molti degli elementi e degli utensili ritrovati sono stati spostati nella sezione romana del Museo cittadino, sempre in Piazza Ferrari; nello stesso complesso, ex convento dei Gesuiti, è contenuto il cortile che ospita il Lapidario romano, chiamato così a causa della presenza di numerose testimonianze impresse su pietra (iscrizioni, decorazioni, ecc.) della permanenza del popolo romano in questi luoghi.

Il centro cittadino ospita anche il famoso Ponte di Tiberio, un altro dei simboli della città presenti nello stemma. Esso fu costruito totalmente in pietra d'Istria bianca e da esso partivano due vie essenziali nel mondo romano: la via Emilia e la via Popilia-Annia. Sono svariate le curiosità che riguardano questo ponte: intanto, la presenza di due strani calchi sulla balaustra gli hanno valso l'appellativo di “Ponte del Diavolo” (in quanto in antichità si pensava che questi calchi fossero delle zampe caprine del Demonio); inoltre, questo ponte fu l'unico che rimase illeso ai tentativi di distruzione da parte dei tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale.

Poco distante dal Ponte di Tiberio è situata la piazza principale, Piazza Cavour, che da sempre ospita gli edifici ed i palazzi del potere. Essi infatti sono il Palazzo dell'Arengo (dal tardo medioevo sede del Consiglio del Popolo riminese, nonchè contenente affreschi della scuola riminese del 1300) e il Palazzo del Podestà (edificato nel 1334, esso ospitava l'impiccagione dei rei).

Da tempo immemore questa piazza rappresenta il potere e la sede degli organi di governo, tant'è che durante la Signoria dei Malatesta, Sigismondo Pandolfo volle porvi a piccolissima distanza il suo Palazzo, Castel Sismondo.

Castel Sismondo è una maestosa struttura posta proprio nel centro cittadino che anticamente ospitava la residenza del signore assoluto di Rimini, Sigismondo Pandolfo Malatesta. I lavori per la sua costruzione iniziarono nel 1437 e terminarono quindici anni dopo. Questo poderoso complesso era contornato da un fossato e dalle cinta murarie intervallate da torri difensive. Stranamente, la difesa e la porta erano rivolte verso la cittadina, testimonianza delle numerose ribellioni nei confronti del Signore. Al centro del cortile era situato il Palazzo di Sigismondo, in cui spesso teneva feste e banchetti, a riprova del suo potere e dello sfarzo in cui amava vivere.

Per volere della famiglia Malatesta, e di Sigismondo in particolare, furono attuate numerose iniziative artistiche, tra cui l'edificazione del Tempio Malatestiano.

Sempre in pieno centro cittadino, si erge infatti il bellissimo Tempio Malatestiano, costruito sulla base dell'antica Chiesa di San Francesco d'impianto medievale (su progetto esterno rimasto incompiuto di Leon Battista Alberti). La sua denominazione pagana è sicuramente riferita al fatto che, al momento della sua costruzione, Sigismondo Pandolfo avesse voluto escludere simboli ed icone prettamente cristiane per far posto ai suoi avi e alle loro tombe. Da questa scelta, la chiesa venne chiamata Tempio: al suo interno conserva tuttora celle dedicate ai segni zodiacali, alle scienze, ai personaggi leggendari e ai sepolcri della sua famiglia e di sé medesimo. Il centro di Rimini e le sue immediate vicinanze, si presentano inoltre ricche di biblioteche, di musei e di parchi pubblici, tutti dedicati a personaggi fondamentali per la storia della zona e tutti perfettamente curati e conservati. Tra i musei e le biblioteche, possiamo citare la Biblioteca Gambalunga, il Museo della Città, il Museo degli Sguardi, il Museo Fellini e molti altri ancora; i parchi pubblici più frequentati sono sicuramente il Parco Cervi, Parco Ferrari, il Parco della Cava.

Numerosi sono inoltre i teatri ed i cinema, che periodicamente propongono spettacoli dal vivo o proiezioni di grande prestigio, orientati a conservare la cultura classica ed a diffondere nuove proposte e nuove chiavi di lettura della vita. I più conosciuti e longevi sono sicuramente il Teatro Novelli, il Teatro degli Atti, la Corte degli Agostiniani e il Cinema Teatro Corso, tutti reduci da una grandissima tradizione teatrale e cinematografica.

Se ci spostiamo verso le frazioni a nord della città quali San Giuliano, Rivabella, Viserba e Viserbella, potremo ammirare altri monumenti minori ma di altrettanta bellezza; inoltre, è proprio in queste zone che è situata il meraviglioso ed imponente Quartiere Fieristico.

Esso è stato realizzato da pochi anni e, sin dall'apertura, ospita alcune tra le più importanti e prestigiose manifestazioni in molti settori fondamentali per l'economia ed il buisness italiano ed internazionale. Un altro importante complesso di recente costruzione, fondamentale per l'organizzazione di grandi eventi, è sicuramente il 105 Stadium, una struttura di ampie dimensioni realizzata al fine di ospitare grandi eventi sportivi, convention, concerti e spettacoli di ogni genere. In questo edificio si tengono periodicamente eventi di notevole portata come il recente live di Jovanotti, Laura Pausini, i musical Peter Pan e Notre Dame e molto altro.

Rimini è un gioiello tutto da esplorare, tra passato presente e futuro!